Investimenti ammissibili

Il Fondo Europeo per l'Efficienza Energetica (eeef) mira a supportare investimenti negli Stati Membri dell'Unione Europea.

I beneficiari finali di eeef sono gli enti pubblici a livello locale e regionale (ad esempio i Comuni) così come le aziende pubbliche e private che operano al servizio degli enti locali (quali società di servizi energetici o ESCo, utility, fornitori di trasporto pubblico, associazioni di edilizia sociale etc.). Gli investimenti sono ammessi in Euro o in altre valute locali, ma questo secondo caso è ammissibile solo in percentuale limitata.

Al fine di raggiungere i beneficiari finali, eeef potrà perseguire due tipologie di investimento

Investimenti diretti

Sono rivolti agli sviluppatori di progetti, a società di servizi energetici (ESCO), aziende che forniscono servizi per i mercati dell’efficienza energetica e le energie rinnovabili di piccola taglia nei paesi target.

  • Gli investimenti in progetti di efficienza energetica ed energia rinnovabile vanno dai 5 ai 25 milioni di euro.
  • Gli strumenti finanziari includono debito senior, mezzanino, strumenti di leasing e forfaiting (in cooperazione con i partner industriali).
  • Sono inoltre possibili (co-)investimenti in equity per energie rinnovabili nel ciclo di vita dei progetti o la partecipazione nel capitale di rischio di società di progetto, o in cooperazione diretta con gli enti pubblici oppure in collaborazione con aziende pubbliche o private che agiscano per conto di tali enti.
  • I prestiti a medio-lungo termine possono durare fino a 15 anni, gli investimenti in capitale di rischio possono essere adattati alle necessità delle varie fasi di progetto.
  • Il Fondo può co-investire come parte di un consorzio e condividere il rischio con una banca locale.

Investimenti in istituti di credito

Questa tipologia include investimenti in banche commerciali locali, società di leasing e altri istituti finanziari selezionati che finanziano oppure si impegnano a finanziare dei Beneficiari Finali soddisfacendo i criteri di ammissibilità di eeef.

  • Gli istituti finanziari partner selezionati riceveranno provvista con scadenza a 15 anni.
  • Gli strumenti possibili sono:
    • debito senior
    • debito subordinato
    • garanzie
  • Non sono ammessi investimenti in equity.
  • Gli istituti finanziari accordano finanziamenti ai beneficiari che soddisfino i criteri di ammissibilità previsti dal Fondo per progetti di efficientamento energetico ed energia rinnovabile.
Categorie di investimento

 

Il Fondo Europeo per l'Efficienza Energetica può investire in tre diverse categorie di progetti:

Investimenti per il Risparmio Energetico e l’Efficienza Energetica:

  • Edifici pubblici e privati che adottino soluzioni per l’efficienza energetica e la produzione di energia rinnovabile, comprese quelle basate sull'uso delle Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione (TIC),
  • Investimenti in produzione combinata di elettricità e calore ad alta efficienza (CHP), compresa la micro-cogenerazione e le reti di riscaldamento e raffreddamento, in particolare da fonti di energia rinnovabile,
  • Infrastrutture locali, comprese le infrastrutture pubbliche per l’illuminazione esterna come strade e semafori, lo stoccaggio di energia elettrica, nonché i sistemi di smart metering e smart grid che fanno pieno uso delle TIC,
  • Tecnologie basate sull’efficientamento energetico e le energie rinnovabili con potenziale innovativo ed economico, che ricorrano alle migliori pratiche disponibili.

Investimenti in Fonti Rinnovabili di Energia, che includono:

  • Produzione distribuita da fonti locali di energia rinnovabile, con immissione in reti di distribuzione a medio-bassa tensione (110kV e inferiore),
  • Smart-grid che consentano un maggiore consumo da fonti di energia rinnovabile,
  • Stoccaggio di energia che consenta di accumulare parte dell'energia prodotta da fonti intermittenti durante le ore di basso consumo per poterla poi restituire nei picchi di domanda,
  • Immissione del biogas prodotto localmente nelle reti di gas naturale,
  • Impianti di microgenerazione da fonti di energia rinnovabile, tipicamente con output inferiore a 50kW e connesso alla produzione di energia elettrica e/o calore, a servizio   di utenze domestiche individuali, edifici in multiproprietà e settore commerciale leggero. Le tecnologie includono, ma non si limitano a, fotovoltaico, impianti minioeolici, impianti miniidroelettrici, pompe di calore con fonti terra-/acqua-/aria, solare termico, riscaldamento a biomasse/biogas e mini-CHP che utilizzano fonti di energia rinnovabile.

Investimenti nel Trasporto Urbano Pulito, che includono:

  • Sistemi di trasporto urbano pulito a supporto dell'aumento dell'efficienza energetica e dell'integrazione di fonti energetiche rinnovabili, con particolare attenzione al trasporto pubblico, alle vetture elettriche e a idrogeno e ridotte emissioni di gas serra. I progetti devono promuovere la progressiva sostituzione del petrolio con combustibili alternativi e lo sviluppo di vetture che consumano meno energia e generano meno emissioni inquinanti.
Procedura di investimento

Procedura di investimento

Chart Direct Investments
Click on image to enlarge

Modulo 1 – Screening iniziale

Gli investimenti Diretti comprendono progetti nei settori legati a efficienza energetica, energia rinnovabile e trasporto urbano pulito. L’Investment Manager origina attivamente i progetti da varie fonti, ad esempio ESCO globali e locali, produttori di apparecchiature o sviluppatori di progetti. Allo stesso tempo i potenziali partner di progetto possono contattare l’Investment Manager per proporre i propri progetti da finanziare.

L’Investment Manager condurrà una prima valutazione sull'ammissibilità del progetto e sulla compatibilità con il portafoglio di investimenti complessivo.

Se il risultato del primo screening è positivo l’Investment Manager avvierà la procedura di due diligence.

Modulo 2 - Due diligence

Per la procedura di due diligence è necessario fornire ulteriori informazioni sul progetto, quali il modello finanziario, una descrizione generale del progetto e i dettagli tecnici. La valutazione del progetto si concentra in primo luogo sull'idoneità rispetto al portafoglio, ai parametri di rischio applicabili e alle considerazioni sul rapporto rischio-rendimento. L’Investment Manager valuta inoltre se gli obiettivi ambientali e di sviluppo del Fondo vengono soddisfatti, prima di passare a valutare la regolarità degli aspetti legali, finanziari e tecnici del progetto. Se necessario, l’Investment Manager collabora con la controparte per identificare strutture finanziarie più adeguate.

Modulo 3 - Preparazione alla stipula del contratto di finanziamento

In caso di esito positivo dell'analisi, l’Investment Manager predispone una Proposta di Investimento e il progetto viene quindi presentato al Comitato Investimenti.

In seguito all'approvazione del suddetto Comitato, l’Investment Manager prepara la stipula del contratto.

Modulo 4 – Monitoraggio e rendicontazione

L’Investment Manager si assicura che tutti i progetti soddisfino i termini e le condizioni concordate prima dell'investimento. Ciò include una regolare rendicontazione (semestrale e annuale) delle performance finanziarie, sociali e ambientali. Inoltre dovrà tenere sotto controllo potenziali scenari di work-out, ristrutturazioni, cessazioni e ogni altra possibile questione che faccia seguito alla stipula.

Investimenti in portafoglio

Investimenti in portafoglio

EEEF ha sottoscritto i seguenti investimenti:

Click on image to enlarge